COSTRUZIONI IN LEGNO, CARATTERISTICHE E VANTAGGI

COSTRUZIONI IN LEGNO, CARATTERISTICHE E VANTAGGI

Una panoramica sulle tecnologie prefabbricate a Telaio, X-Lam, Blockhaus e su strutture e coperture lignee

15/09/2016 – Le costruzioni in legno possono costituire una valida alternativa alla tradizionale edilizia in muratura o in cemento armato.

Infatti, se adeguatamente progettate, hanno numerosi vantaggi come la rapidità di costruzione, la stabilità, la sostenibilità e il risparmio energetico.

Costruzioni in legno: la normativa

Come tutte le abitazioni di nuova costruzione gli edifici in legno devono soddisfare i requisiti igienico sanitari previsti dal DM 5 luglio 1975  e i requisiti acustici passivi minimi previsti dal DPCM 5 dicembre 1997.

Nella costruzione di un edificio in legno è necessario rispettare le NTC08 (DM 14 gennaio 2008) per assicurare l’adeguata idoneità statica ed antisismica. Le norme infatti contengono ben tre paragrafi dedicati alla progettazione di strutture di legno. Devono essere rispettati anche i parametri in materia di normativa antincendio, in base alla tipologia del fabbricato; ad esempio per edifici residenziali sarà necessario rispettare il DM 246/1987 e il DPR 151/2011.

In tema di efficienza energetica gli edifici in legno devono rispettare i nuovi requisiti minimi di efficienza previsti dal DM 26/06/2015. Infine nella gestione del cantiere bisogna seguire le procedure per la sicurezza previste dal Dlgs 81/2008.
Costruire in legno: vantaggi

Uno dei principali vantaggi nella realizzazione di edifici in legno prefabbricati è la riduzione dei tempi di costruzione. Un edificio di legno, anche di molti piani, è relativamente semplice, veloce e non molto costoso.

Essendo il legno un materiale leggero, ogni elemento è facilmente trasportabile e maneggiabile in cantiere; inoltre il montaggio, effettuato interamente a secco mediante l’utilizzo di collegamenti meccanici con piastre di acciaio, viti, chiodi e bulloni, è estremamente veloce.

In più l’assenza di getti e in generale della presenza d’acqua e materiali inerti consente di mantenere più pulito e ordinato l’ambiente di lavoro e di poter organizzare al meglio le diverse fasi di lavorazione. La durata inferiore dei tempi di costruzione ha vantaggi anche sul fronte della sicurezza sul lavoro: meno dura un cantiere e minore sarà la possibilità del verificarsi d’incidenti.

Sul piano della sostenibilità, il legno è rinnovabile e riciclabile; consuma pochissima energia nelle fasi di produzione e posa in opera, non rilascia emissioni, polveri o fibre nocive durante l’impiego e si smaltisce senza inquinare, restituendo l’energia accumulata se viene impiegato per la termovalorizzazione.

Sul fronte risparmio energetico il legno, essendo un ottimo isolante termico e un buon isolante acustico, assicura già un buon isolamento termo-acustico. Inoltre l’utilizzo di materiali naturali a base di legno o suoi derivati per il pacchetto isolante contribuisce a migliorare la traspirabilità.

Le strutture di legno hanno un’eccellente resistenza alle azioni sismiche e un comportamento al fuoco prevedibile. Bisogna fare attenzione però al degradamento del legno; spesso però è sufficiente scegliere classi di durabilità del legno adeguate e trattamenti specifici che lo rendono a tutti gli effetti un materiale durevole nel tempo.

Case in legno: il mercato italiano

Secondo il ‘Rapporto Case ed edifici in legno 2015’ del Centro Studi Federlegno Arredo, il numero di edifici in legno realizzati in Italia nel 2014 è di 3.025 con un fatturato derivante dalla loro costruzione di 658 milioni di euro. L’Italia è infatti al 4° posto in Europa per la produzione di edifici prefabbricati in legno.

Dalle pagine del Rapporto emerge come negli ultimi anni, in un contesto che ha visto il crollo degli investimenti complessivi nell’industria delle costruzioni, l’edilizia in legno ha registrato un trend in controtendenza con una crescita costante.

Secondo il Rapporto, 6 abitazioni su 100 sono il legno. Inoltre, degli edifici in legno costruiti nel 2014, il 90% risulta essere destinato al residenziale.

La ricerca mette in evidenza anche le tecniche costruttive più utilizzate in una costruzione in legno:
– 55% a Telaio,
– 38% X-Lam;
– 3% Blockhaus;
– 4% altri sistemi.

Edifici in legno: le tecniche costruttive

Esistono quindi diversi metodi costruttivi per realizzare edifici a struttura di legno; ogni sistema ha le proprie caratteristiche distintive che lo differenziano dagli altri per il comportamento strutturale, per gli aspetti estetico-architettonici o per i dettagli costruttivi che lo rendono più o meno adatto in determinati contesti climatici e ambientali.

La scelta del sistema costruttivo più adatto alle esigenze progettualideve essere fatta in funzione di un insieme di richieste, limitazioni (imposte ad es. dai regolamenti edilizi), funzioni e caratteristiche; per questo deve scaturire da un lavoro congiunto tra committenza e progettista.

Case in legno

Di seguito una panoramica delle principali tipologie costruttive per il legno.

Edifici in legno a telaio (Platform Frame)
Il sistema a telaio (chiamato anche Platform Frame) è tra i più diffusi per la realizzazione di edifici a uno o più piani a struttura intelaiata di legno. Il sistema è formato da pareti e solai costituiti da intelaiature di elementi di legno di piccola sezione posti ad interasse costante di 40-60 cm alle quali da un lato o da entrambi i lati vengono collegati, con tanti chiodi o viti di piccolo diametro, dei pannelli di legno strutturale. Le pareti e i solai così realizzati vengono collegati fra loro e alle fondazioni con piastre metalliche angolari, tirafondi, viti e chiodi.

Il pacchetto costruttivo delle pareti viene completato mediante il posizionamento dell’isolante all’interno dell’intercapedine dell’intelaiatura. Lo strato isolante posto nell’intercapedine può occupare tutto lo spessore, nel qual caso il posizionamento degli impianti avviene in fresature ricavate nell’isolante oppure solo una parte lasciando un’intercapedine.

Un esempio di casa prefabbrica a telaio è offerto da STRATEX LIVINGstruttura composta da elementi stratificati, in cui ogni materiale è rigorosamente eco compatibile e privo di emissioni nocive. Inoltre le tecnologie all’avanguardia rispecchiano al meglio le nuove normative in merito di sicurezza antisismica, garantendo la completa stabilità della struttura.

Strutture in legno a pannelli portanti (X-Lam)
L’X-lam è un sistema costruttivo costituito da pannelli di legno massiccio a strati incrociati ed incollati con i quali vengono realizzate le pareti e i solai.

Un edificio a pannelli portanti è sostanzialmente una struttura scatolare in cui le pareti e i solai sono formati da diaframmi costituiti da pannelli di legno massiccio molto rigidi e resistenti, collegati fra loro mediante collegamenti meccanici.


Generalmente i pannelli per le pareti e i solai vengono prefabbricati in stabilimento e arrivano in cantiere pronti per il montaggio già dotati di aperture per porte e finestre. La grande versatilità del sistema consente di realizzare una grande varietà di edifici.

Il pannello utilizzato nel sistema, essendo incollato, è di per sé molto rigido e resistente proprio in virtù del processo produttivo con cui è realizzato e pertanto consente l’utilizzo di legno strutturale classificato di qualità inferiore, difficilmente utilizzabile in altri sistemi costruttivi. Il sistema però comporta un maggior utilizzo di materia prima.

Tra le case prefabbricate che utilizzano questo sistema c’è SISTEMA XLAM di GALLOPPINI LEGNAMIsistema usato per la realizzazione di Casa Walser (villaggio Pra di Riva) a Riva Valdobbia, provincia di Vercelli, in Piemonte.


Costruzioni in legno a blocchi massicci (Blockhaus)
E’ un sistema, tipico dei paesi nordici per abitazione mono familiari, che si contraddistingue per le modalità di realizzazione delle pareti, formate dalla sovrapposizione di tronchi di legno massiccio tondi o squadrati, generalmente sagomati nella parte superiore e inferiore al fine di aumentare la superficie di contatto.

 

 

 

 

L’incrocio fra elementi di pareti ortogonali, ripetuto più volte nello schema costruttivo, oltre a rappresentare un elemento architettonico fortemente caratterizzante, conferisce stabilità all’intero edificio e capacità di resistere alle azioni orizzontali.

Il materiale è utilizzato con una funzione simile alla muratura. Per le sue caratteristiche architettoniche il sistema è sicuramente più adatto alla realizzazione di abitazioni isolate immerse nel verde o comunque di edifici per abitazione in piccoli centri montani.

 

 

COSTRUIRE BENE, COSTRUIRE CON IL LEGNO

 

Fonte LEGNOEDILIZIA.COM à http://www.legnoeedilizia.com/notizie/costruire-bene-costruire-con-il-legno

Anche a seguito dei ripetuti eventi sismici che hanno colpito il nostro Paese, è imperativo costruire e, soprattutto, ristrutturare gran parte del nostro patrimonio  immobiliare che in larga misura risale agli anni Sessanta, un periodo in cui si edificava con scarsa attenzione alla qualità. Da qui la necessità di intervenire utilizzando materiali e tecnologie in grado di garantire sicurezza, efficienza energetica, durabilità, tutte prestazioni che gli attuali sistemi costruttivi che impiegano il legno consentono anche rispetto ai progetti più complessi.

 

L’VIII edizione di LEGNO&EDILIZIA, la biennale organizzata da Piemmeti SpA  che avrà luogo a Verona dal 14 al 17 marzo 2013,darà ampio spazio proprio alle applicazioni del legno in ambito costruttivo. La Fiera rappresenta  l’evento più significativo per il mondo del legno ed è la prima vetrina delle principali novità legate all’utilizzo di questo materiale eco-tecnologico, sostenibile e naturale, destinato ad assumere un peso preminente  nel settore dell’edilizia.

 

Il legno è destinato a divenire il protagonista nella cultura tecnico-professionale e scientifica di tutti i progettisti per la sicurezza antisismica.

 

All’estero le costruzioni di legno sono da sempre molto diffuse, in particolare in Canada e negli USA il 90% delle costruzioni sono di legno, in Giappone, paese fortemente sismico, la metà delle costruzioni è di legno come pure nei paesi del Nord Europa, ma anche in  Austria e in Germania. Ora l’interesse per i sistemi costruttivi che utilizzano il legno sta aumentando anche in Italia.

Per dare maggiore risalto al potenziale d’impiego del legno, LEGNO&EDILIZIA ospiterà un ricco calendario di meeting tecnici e d’aggiornamento professionale organizzati da Piemmeti Spa con la collaborazione di Associazioni, Aziende e Università e la partecipazione di prestigiosi relatori.

 

Convegno Legno e Terremoto

Coerentemente con l’esigenza di illustrare le prestazioni del legno in caso di sisma, purtroppo un tema di grande attualità, il Convegno Legno e Terremoto organizzato da Piemmeti SpA e a cura di Franco Laner, docente  ordinario di tecnologia dell’architettura presso lo IUAV (Istituto Universitario di Architettura di Venezia), si propone con un format innovativo che offre ai partecipanti la possibilità di accedere preventivamente a un modulo di preparazione al convegno vero e proprio.

Infatti, si è notato come spesso sia difficile partecipare con pieno profitto a incontri tecnici su temi specifici e magari relativamente poco conosciuti se non si possiedono le informazioni di base, il linguaggio e lo stato dell’arte di una disciplina. Il Convegno ospitato da Legno&Edilizia si svolgerà su tre giornate e avrà una sezione propedeutica per coloro che non conoscono i prolegomeni della disciplina sismica, un’occasione unica per tutti i progettisti, tecnici del settore e operatori che vogliano approcciare seriamente e proficuamente il tema della prevenzione sismica nelle costruzioni..

Seguirà quindi un seminario di formazione e aggiornamento che avrà luogo nella giornata di venerdì e vedrà la partecipazione di prestigiosi relatori che affronteranno i temi del costruire in chiave antisismica: i vantaggi del legno, concezione strutturale e progettuale; la sicurezza antisismica – impostazione ed esempio di calcolo; particolari costruttivi per le tecnologie col legno (Pannelli, telaio e blokbau). Es. di progetti, sperimentazione, adeguamento e consolidamento, Piano Casa.

Il giorno successivo, sabato, si svolgerà la terza parte del convengo dedicata agli approfondimenti e alla discussione su sollecitazione del pubblico partecipante.

 

Franco Laner, pioniere dell’impiego del legno lamellare in Italia e tra i massimi esperti del settore, è  un convinto assertore delle possibilità di impiego del legno nel nostro Paese: “Legno e costruzioni antisismiche potrebbe essere un’accoppiata vincente e promettente negli scenari costruttivi nazionali. Le condizioni? Me ne vengono in mente almeno due. La prima, di non sentire più affermare che il legno è un materiale antisismico. Come dire, usa il legno e dormi tranquillo! Ogni materiale costruttivo, c.a., acciaio, mattone, pietra, se ben utilizzato, offre la possibilità di realizzare eccellenti costruzioni antisismiche. Anche il legno deve essere strutturalmente ben concepito per il suo successo in chiave antisismica. Un’altra condizione  riguarda proprio il terremoto: smettiamola di considerarlo un evento raro, eccezionale, difficile da contrastare. Il terremoto è un evento naturale, una forza esterna da mettere in conto sempre nei nostri progetti. Nei terremoti nostrani l’energia non è alta, imparagonabile con quella sprigionata in altre zone sismiche del pianeta e costruire in modo corretto non è molto più costoso che costruire male!”.

 

Il punto di vista di Franco Laner certo non è confutabile ed è interesse di tutti gli operatori del settore di fare proprie le conoscenze di un nuovo modo di progettare e costruire in sicurezza, in linea con le esigenze di quella nuova “Età del Legno”  che rappresenta certamente il nostro futuro, un futuro migliore dell’oggi.

Anche per questo il mondo delle costruzioni guarda con sempre maggiore interessa a LEGNO&EDILIZIA come a una  visita irrinunciabile.  Appuntamento quindi a Verona dal 14 al 17 marzo 2013 per conoscere una diversa e migliore qualità dell’abitare che passa attraverso la  rapidità d’esecuzione degli edifici, il buon isolamento che offrono, l’eco-compatibilità, la resistenza al fuoco e le prestazioni antisismiche, tutti argomenti a favore dell’impiego del legno certamente per le nuove costruzioni, ma anche per la realizzazione di sopraelevazioni, per la realizzazione di ville monofamiliari e  tetti in legno “a vista” e di costruzioni a più piani in ambito urbano (social housing) oltre che per impieghi in ambito non residenziale, ad esempio nell’ambito delle attività sportive, nel turismo e nella realizzazione di edifici destinati alle attività produttive.

 

LEGNO&EDILIZIA  rappresenta il “luogo del legno” per eccellenza, l’occasione migliore per operatori  e progettisti che a Verona troveranno un’ampia selezione di  prodotti  ingegnerizzati  derivati dal legno  da impiegare in alternativa alle tradizionali travi di massiccio come i lamellari e lo  X-lam, soluzioni che offrono prestazioni di altissimo livello e che saranno in mostra insieme a strutture portanti e case di legno, alla carpenteria, al legname, a  scale e rivestimenti,  semilavorati, pavimenti di legno,   macchine,  utensili e ai prodotti funzionali ai processi di lavorazione del legno.

Le adesioni già raccolte lasciano prevedere che l’edizione 2013 di LEGNO&EDILIZIA accoglierà un numero di visitatori sensibilmente superiore rispetto al passato tra professionisti, progettisti e operatori del settore, ricordiamo che l’edizione del 2011 è stata visitata da oltre 21.000 persone, molte provenienti dal Sud dell’Italia e moltissimi anche stranieri. Per l’occasione, da quest’anno VeronaFiere ha dedicato alla manifestazione i prestigiosi Padiglioni 2 e 3 adiacenti l’ingresso principale del quartiere fieristico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *